Alessandro Masi (pd) chiede chiarimenti sulla mancata approvazione del Pums

Data di pubblicazione:
Tipologia della notizia
Comunicati stampa

Corpo

II consigliere del gruppo Pd, Alessandro Masi, ha presentato un’interrogazione nella seduta consiliare di oggi per la mancata approvazione del Piano urbano della mobilità sostenibile (PUMS). 

Masi ha evidenziato che <<ad oggi il documento, adottato il 19 maggio 2020 e le cui controdeduzioni hanno ottenuto il via libera dal consesso del 25 novembre 2021, rimane ancora da approvare, a differenza del Piano Operativo Comunale (POC), e l’avvio del nuovo Piano Strutturale (PS) risale ormai a due anni or sono>>. 

Nel sottolineare che <<la mancanza di armonia e di tempismo delle decisioni urbanistiche di questa Amministrazione fanno male al Comune, alla città e al governo delle sue trasformazioni e della sua programmazione>>, Masi ha chiesto di conoscere <<lo stato di redazione del PUMS e a quando andrà la sua approvazione>>. 

Il vicesindaco Corsi ha risposto spiegando che <<come noto il Piano Urbano di Mobilità Sostenibile (PUMS) è uno strumento strategico che detta indirizzi e non uno strumento urbanistico necessario per la realizzazione degli interventi. Si tratta di un piano settoriale, non obbligatorio per il Comune di Siena (in quanto con popolazione inferiore a 100.000 abitanti), di contenuto meramente strategico che ha come finalità generale il raggiungimento di obiettivi di sostenibilità ambientale, sociale ed economica attraverso la definizione di azioni orientate a migliorare l’efficacia e l’efficienza del sistema della mobilità e la sua integrazione con l’assetto e gli sviluppi urbanistici e territoriali>>.

Aggiungendo poi che <<anche se il PUMS non risulta al momento approvato, l'Amministrazione ha concretizzato molte azioni in conseguenza dello stesso, quali la realizzazione della ciclovia di via Fiorentina e gli interventi di moderazione del traffico sull’asse viario Cassia sud-via Piccolomini, entrambi in via di compimento, il servizio in sharing di motorini elettrici, già partito la scorsa settimana, l'installazione di oltre 10 APL (attraversamenti pedonali luminosi), il Piano di Spostamenti casa-lavoro del Comune,  un Piano di riassetto dei bus turistici, a breve oggetto di discussione, confronto e condivisione in Consiglio comunale e il potenziamento, attraverso fondi comunitari del bike sharing>>.

Poiché durante la progettazione di tali interventi, ha concluso Corsi <<è emersa la necessità di rivedere la classificazione funzionale delle strade da esso prevista, in relazione all’opportunità di apportare alcune modifiche alla perimetrazione del centro abitato esistente, e alle novità introdotte dal decreto rilancio sul codice della strada con particolare riferimento alle corsie ciclabili, è intenzione dell'Amministrazione, operati gli opportuni approfondimenti nel tema della classificazione delle strade, procedere con l'approvazione entro fine anno>>. 

<<Il Piano strategico – ha replicato Masi – doveva servire come guida al POC. Invece si è finito il POC, ma non il PUMS, che ora, in attesa della riclassificazione delle strade, diventa anche la base  del nuovo Piano Strutturale. Quindi si pianifica il nuovo con studi incompiuti e che diventano vecchi.

Il Comune, invece, ha il dovere di governare i cambiamenti con gli strumenti più aggiornati, per garantire alla Città ed ai suoi cittadini un disegno ed una prospettiva chiara. 

Al contrario, si va avanti caso per caso, fuori da un organico Piano strategico>>. Il consigliere ha richiamato infine il dibattito sulla sostenibilità della scorsa settimana, che ha portato Siena alla ribalta <<quando però siamo proprio noi i primi a negare la sua progettazione e programmazione>>. Chiudendo il suo intervento con un <<richiamo severo all’Amministrazione a rimettere in ordine il filo degli strumenti urbanistici, in modo che possano generare risposte concrete per il bene della città. Infatti, è inutile fare propositi e annunci sulla sostenibilità da Siena, quando poi non abbiamo nemmeno in ordine la pianificazione della mobilità interna. Per questi motivi mi dichiaro insoddisfatto>>.

Ufficio Stampa Comune di Siena 

 

 

 

Ultimo aggiornamento

25/06/2022, 11:33