Dettaglio sala storica

Biblioteca comunale

Dal 1996 la Biblioteca è un'istituzione, un organismo strumentale caratterizzato da autonomia gestionale e scientifica costituito dal Comune di Siena per la gestione della Biblioteca comunale degli Intronati e, dal 2019, dell’Archivio storico comunale.

Le origini della Biblioteca risalgono al 1758, quando l’arcidiacono Sallustio Bandini donò la propria biblioteca all’Università, per fornirla di un’adeguata collezione libraria.
Bandini incluse fra le condizioni per il lascito l’uso “pubblico” della Biblioteca e il suo affidamento all’abate Giuseppe Ciaccheri. La donazione costituisce il punto di inizio della crescita di un polo culturale cittadino – ospitato ancora oggi nei locali dell’antica Sapienza – di grande importanza, non solo per la rilevanza della dotazione libraria, al cui consistente incremento provvidero donazioni e finanziamenti da parte del governo granducale, ma anche per l’interesse lungamente coltivato dal bibliotecario Ciaccheri per la pittura e l’arte locale che fece affluire in Biblioteca raccolte d’arte di vario genere.

Il patrimonio complessivo della Biblioteca supera attualmente i 600.000 documenti. 

BCI, Sala storica
Biblioteca pubblica, vicolo
Biblioteca pubblica, vicolo
Laboratorio fotoriproduzione
Gabinetto disegni e stampe

Ultimo aggiornamento

11/05/2022, 09:35